Un pasticcino di cui sei golosa

New York City, Harlem Shake, Harlem

Ciao, Alessandra, ti mando un saluto, così, per simpatia e perché ti sto leggendo nel blog. Sono quella che ti si è avvicinata alla fine della presentazione alla Libreria del Touring di corso Italia …

Condividi su

Fare le orecchie ai libri

Sono una di quelle che fa le orecchie ai libri, dove ci trova qualcosa di sé, o per sé.Questo è il tuo libro, che ho iniziato e finito senza interruzioni. Quindi, grazie. Irene

I lettori sono i miei primi recensori. …

Condividi su

E adesso parliamo di vento

Il vento.

Il viandante e il vento.

Intanto cosa notiamo. Che sono due parole che si assomigliano.

Due parole che volano via. Vian – dan – te.  Ven – to. Che si elevano. Che salgono.

E poi poi anche scendono. …

Condividi su

Ortigia, come farsi conquistare da un luogo

A Siracusa ci sono finestre vista mare, librerie affollate, libraie ispirate e ispiratrici, lettrici e lettori generosi (anche da Pachino, Palazzolo Acreide, Belgio, Olanda…), ristoranti molto esotici e un po’ erotici, amici accoglienti, gatti impertinenti, sedie da leggere (o libri …

Condividi su

Pugni e carezze. Laura

Cara Alessandra,

il tuo libro è stato una serie di pugni nello stomaco ma anche di carezze. Era il giugno del 2017, a Pordenone alla libreria del viaggiatore Quo vadis?, rientrata da pochi giorni dalla “mia Francigena”, ancora li …

Condividi su

A Venezia, a Venezia! E poi a Udine

“Mi sono iscritta a un corso del Club alpino italiano: escursionismo in ambiente innevato. Le lezioni sono serali, poi ci sono le esercitazioni pratiche. Ci insegnano come andare in montagna in sicurezza. Ci spiegano perché cadono le valanghe, ci mostrano

Condividi su